Condividi

Due protagonisti, un uomo e una donna. La prima è una giornalista siciliana rimasta da tempo senza lavoro e che ha infilato parte della merce rubata nello zaino del figlio di sei anni.

La giornalista, spiega il quotidiano, aveva accumulato ben ottocento euro di cosmetici. Si trovava in vacanza in riviera con i due figli.

E’ stata scoperta a causa di una dimenticanza: su uno degli oggetti rubati era rimasta una placca antitaccheggio. Una volta arrivata in cassa, l’allarme ha iniziato a suonare e la ex giornalista è stata beccata. Invitata a pagare la merce, ha tentato di fuggire. Bloccata da una commessa, ha su di lei usato violenza.

I Carabinieri giunti sul posto hanno perquisito non solo la borsa della donna, ma anche il marsupio dei due figli, e in quello del più piccolo hanno trovato la bellezza di sei occhiali da sole nuovi di zecca.

 Arrestata e processata: quattro mesi pena sospesa.

Vicenda comune a quella di un altro borseggiatore questa volta di Potenza, ma da tempo nel riminese.

“Batte i mercati rionali da Pesaro fino a Forlì” spiega il resto del Carlino “e solo Vagnini l’ha arrestato tre volte in quattro anni. L’ultima, sabato scorso, quando ha alleggerito la sua vittima sotto i suoi occhi con il consueto stile. Il giudice gli ha chiesto come campa, e lui serafico ha risposto: “con il reddito di cittadinanza”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAgente della Polizia Locale si toglie la vita: è il 33esimo suicidio di cui si ha notizia, il terzo in poche ore
Prossimo articoloFiglio di Salvini sulla moto d’acqua della Polizia di Stato, la Procura apre un fascicolo

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.