Condividi

La Lega di Pavone Canavese (Ivrea) si è schierata dalla parte di Franco Marcellino Iachi Bonvin, il tabaccaio che ha sparato e ucciso un ladro moldavo di 24 anni.

“La vera vittima è il tabaccaio – ha detto il senatore del Carroccio Cesare Pianasso -. Ha la nostra solidarietà. Sono convinto che lui stesso stia vivendo ore di grande sofferenza per la tragedia che lo ha coinvolto. Se il moldavo fosse rimasto a casa sua, sarebbe ancora vivo”.

Per il senatore “il ‘mestiere’ del ladro o del rapinatore comporta dei rischi ed è assolutamente giusto tutelare chi si difende. Ci auguriamo che l’episodio di Pavone possa rientrare nei termini previsti dalla nuova legge sulla legittima difesa e che il fascicolo aperto dalla Procura si chiuda senza conseguenze per il negoziante”.

Parroco: “Vicini a lui e alla sua famiglia” – Anche il parroco di Pavone, don Beppe Dorma, ha espresso solidarietà al commerciante. Siamo “vicini a Franco e alla sua famiglia”, ha detto.

“Preghiamo perché lo spirito Santo dia a Franco la sapienza e l’intelletto in questo tragico momento – ha poi aggiunto durante la Santa Messa – rivolgiamo un pensiero anche alla famiglia del ragazzo ucciso che in questo momento sta vivendo una tragedia”. Martedì alle 21 si terrà una fiaccolata di solidarietà per il tabaccaio, organizzata dai commercianti di Pavone Canavese e Ivrea.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteDorme sul treno con il numero del biglietto scritto sulla fronte: "Così il controllore non mi sveglia"
Prossimo articoloParroco celebra messa, un cane gli fa da chierichetto: "molto contenti che stia nella chiesa insieme a noi"