Condividi

MIRA – Per trascorrere il tempo durante le vacanze natalizie si dilettavano a lanciare sassi contro le auto sia in corsa che in sosta. L’episodio più grave quando hanno infranto il parabrezza di una vettura che procedeva a velocità sostenuta, lo racconta il quotidiano locale Il Gazzettino. Una decina le denunce giunte ai carabinieri che ora sono risaliti agli autori: tre studenti di buona famiglia minorenni. Tutti gli automobilisti avevano segnalato che le loro rispettive autovetture erano state colpite da sassi, nel medesimo periodo e attorno allo stesso luogo. Tutti gli episodi erano segnalati nel periodo della vacanze natalizie, subito dopo Capodanno, ed il luogo incriminato è il sottopasso della ferrovia Venezia – Adria di via Nazionale a Mira e il vicino parcheggio sovrastato proprio dai binari.

Subito dopo i fatti i Carabinieri della Tenenza di Mira hanno avviato le indagini, poi integrate con la presentazione delle denunce, giungendo in poco tempo a stringere il cerchio attorno ad gruppo di giovani del posto. I tre ragazzi tutti studenti ed incensurati, sono stati convocati a turno in caserma e messi alle strette, hanno ammesso quanto fatto. Dalla ricostruzione dei fatti è emerso che i ragazzi erano soliti ritrovarsi per passare il tempo libero – indicativo il fatto che i danneggiamenti si erano concentrati nel periodo di vacanza scolastica – ai margini del sottopasso, ma anche di altri cavalcavia o ponti della zona, proprio per organizzare un gioco eccitante quanto sciagurato: fare al tiro a segno con le auto parcheggiate, o ancora più audace, in transito. I ragazzi sono stati quindi denunciati all’autorità giudiziaria dei Minori di Venezia davanti alla quale dovranno rispondere del reato di danneggiamento aggravato.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIl collega muore: gli agenti pagano il suo mutuo e salvano moglie e 7 figli dallo sfratto
Prossimo articoloEra stato arrestato pochi mesi fa l'uomo che ha provocato la strage di Porto Recanati