Condividi

soldi (1)

A gennaio 2016 arriveranno dei mini aumenti sulle pensioni che interesseranno circa 3 milioni di pensionati. A prevedere l’aumento il decreto legge numero 65 del 2015, con il quale il Governo ha anche disposto il rimborso pensioni dello scorso agosto in risposta alla sentenza della Corte Costituzionale 70/2015 che dichiarava illegittimo il blocco degli adeguamenti delle pensioni al costo della vita.

Tale decreto, infatti, prevede anche una rivalutazione degli assegni che furono a suo tempo coinvolti nel blocco dell’indicizzazione.

A chi spetterà l’aumento?
Le pensioni interessate dai mini aumenti sono quelle comprese tra le 3 e le 6 volte il trattamento minimo Inps del 2011, ovvero i trattamenti compresi tra i 1405 e i 2810 euro, quelli che lo scorso agosto sono stati interessati dalla corresponsione del bonus di compensazione per la mancata indicizzazione della pensione al costo della vita.

Aumenti pensioni: di quanto?
Dal primo gennaio 2016, quindi, le pensioni interessate si vedranno riconoscere un aumento mensile che varierà in base all’importo del trattamento, Vediamo nello specifico a quanto ammonterà tale aumento.

Per le pensioni che al 2011 ammontavano a 1500 l’aumento sarà di 17,40 euro al mese
Per pensioni che nel 2011 ammontavano a 1800 l’aumento sarà di 21 euro al mese
Per pensioni comprese tra 1900 e 2400 euro lordi l’aumento è di 10 euro
Per pensioni superiori ai 2400 l’aumento sarà di 7/8 euro al mese.
A chi non spetterà l’aumento?
L’aumento non spetterà a tutti i titolari di pensione che nel 2011 percepivano un assegno inferiore a 1405 euro o che nel 2012 percepivano un assegno inferiore a 1443 euro.

Questi trattamenti non saranno penalizzati dai mancati aumenti poiché sono pensioni che non hanno subito penalizzazioni dalla Legge Fornero con la mancata indicizzazione poiché sono state pienamente indicizzate nel biennio 2011-2012.

Nessun aumento neanche per coloro che nel 2011 avevano assegni pensionistici superiori a 2810 euro o che nel 2012 avevano assegni superiori a 2886, cioè le pensioni superiori a 6 volte il trattamento minimo Inps.

Esclusi dal mini aumento anche tutti coloro che hanno avuto accesso alla pensione dopo il 1 gennaio 2013 poiché non sono stati penalizzati dal blocco delle indicizzazioni disposto dalla riforma Fornero.

28 marzo 2016

fonte investireoggi

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSchianto in scooter. Morto il padre, grave il figlio
Prossimo articoloDa Gennaio 2016 per andare all'estero ti serve La TESSERA EUROPEA: Ecco come richiederla!