Condividi

L’uomo, scoperto dagli ispettori del lavoro e dai carabinieri in un cantiere a Cerignola, ha perso l’erogazione del reddito e dovrà pagare una pesante sanzione.

L’uomo lavorava in nero in un cantiere edile di Cerignola nonostante fosse beneficiario del reddito di cittadinanza.

L’operaio, scoperto dagli uomini dell’Ispettorato del Lavoro e dai carabinieri, ha perso l’erogazione del reddito e dovrà pagare una sanzione amministrativa di 4.320 euro. Dopo l’accertamento è stata inviata segnalazione all’Inps e l’uomo è stato denunciato al’autorità giudiziaria.

LEGGI ANCHE: fa lo spacciatore, ha il reddito di cittadinanza. Il giudice: “Si trovi un lavoro”

Il lavoratore che domanda il reddito di cittadinanza e viene pizzicato a lavorare in nero, ci spiega La Legge per tutti, rischia dai 

rischia dai 2 ai 6 anni di reclusione, in quanto risulta aver utilizzato, per ottenere o mantenere il beneficio, dichiarazioni e documenti falsi o che attestano cose non vere, e risulta anche aver taciuto informazioni dovute.

LEGGI ANCHE: Lavorava in nero ma percepiva il reddito di cittadinanza: per lui mazzata da oltre 7mila euro di multa

Oltre alla reclusione, il lavoratore in nero beneficiario di Rdc è punito anche con la revoca retroattiva del sussidio, e con l’impossibilità di chiedere il reddito di cittadinanza prima che siano decorsi 10 anni dalla condanna. LEGGI ANCHE: Chiede il reddito di cittadinanza, scoperto a lavorare in nero. Denunciato

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteVivono in casa popolare, in banca hanno un patrimonio di mezzo milione di euro
Prossimo articoloM5S - PD: è già lite

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.