È ufficiale: le forze dell’ordine avranno il taser. Coisp: “limiti troppo stringenti rischiano di essere un boomerang”

E’ ufficiale: il taser entrerà in dotazione alle Forze dell’Ordine.

Il taser entrerà ufficialmente in uso alle delle forze dell’ordine. La sperimentazione partita negli scorsi mesi in decine di città è risultata positiva. Seguirà un regolamento certosino che disciplinerà l’uso della pistola elettrica.

Tutto l’iter era partito nel 2014, la sperimentazione nel 2018. Dopo il passaggio al Consiglio di Stato per un parere, il testo tornerà in cdm per via libera definitivo.

Sulla novità si è espresso il sindacato di Polizia Coisp

I limiti troppo stringenti per l’uso del taser rischiano di trasformare questa novità in un boomerang per gli agenti delle Forze dell’Ordine. Visto il Regolamento che disciplina l’impiego dell’arma, allora meglio che non venga data”.

Così Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, commenta l’approvazione in via preliminare da parte del Consiglio dei Ministri del Regolamento per l’uso del taser.

Le linee guida – prosegue – prevedono, tra le altre cose, l’obbligo di considerare la ‘visibile condizione di vulnerabilità’ e, soprattutto, i rischi ‘associati con la caduta della persona’ colpita dalla scossa elettrica. Si tratta, evidentemente, di valutazioni complesse, difficili, se non impossibili, da compiere nelle situazioni di particolare rischio e concitazione che richiedono l’uso di un’arma. In questi casi, infatti, tutto avviene in un arco temporale brevissimo. Il rischio, perciò, è che i poliziotti vengano esposti a richieste di indennizzo da parte dei soggetti colpiti dagli impulsi elettrici per eventuali lesioni riportate nella caduta e non ‘valutate’. È inaccettabile”, conclude.



Potrebbero interessarti anche