Viaggio in coppia? Ecco le mete ‘pericolose’ da evitare assolutamente

Passeggiate sulla spiaggia mano nella mano, tramonti infuocati e cenette romantiche vista mare. Cosa c’è di meglio di un viaggio a due per suggellare un amore nato da poco? Attenzione però alla scelta della destinazione, rischia di rivelarsi un boomerang. Se non si vuole veder naufragare una storia appena iniziata, meglio stare alla larga dal Messico.

Il paese dei Maya è in cima alla lista nera delle mete scoppia-coppia. Da rimandare a qualche anniversario più in là anche Ibiza: l’isola spagnola sinonimo di divertimento, fiumi di sangria e discoteche sulla spiaggia aperte h24, non sembra essere proprio un afrodisiaco. Non va meglio per il Portogallo: un delizioso bocconcino di baccalà, da gustare in uno dei caratteristici tascas, accompagnato da un bel bicchiere di vino bianco, potrebbe rivelarsi fatale. A rischio anche l’arcipelago di Capo Verde, di fronte alla costa del Senegal, e Lanzarote, alle Canarie. Le coppie “fresche” che sono state in vacanza in questi luoghi si sono lasciate entro sei mesi dal rientro.

E’ quanto emerge dallo studio condotto dall’agenzia di viaggi britannica “Sunshine.co.uk”, specializzata in viaggi low-cost per mete assolate, che ha intervistato un campione di 2.187 viaggiatori in coppia dai 18 anni in su, residenti in tutto il Regno Unito.

I risultati mostrano che 1.056 degli intervistati hanno rotto con il partner nei sei mesi successivi al rientro dalla prima vacanza insieme. Gli altri 1.131 sono invece felicemente accoppiati da tre o più anni. In media, le nuove coppie, organizzano il primo viaggio entro 5 mesi dall’incontro.