Le patatine fritte possono contenere una sostanza cancerogena

Le patatine fritte possono contenere una sostanza cancerogena: ecco quali aziende non rispettano i parametri

Buone da mangiare e un gustoso sfizio, difficile resistere alle patatine fritte che però sembrano essere pericolose per la nostra salute. Il problema non è solo nella linea, che di sicuro non viene aiutata dall’assunzione dello snak, ma pare che le chips contengano una sostanza cancerogena.

Si tratta dell’acrilammide che è una sostanza che si forma in seguito alle alte temperature e che si sviluppa durante i processi di frittura, di cottura al forno o alla griglia, a seguito di una reazione chimica che coinvolge gli zuccheri e gli amminoacidi. L’acrilammide, ma anche il suo prodotto metabolico principale, ossia la glicidammide, possono nuocere al sistema nervoso, alterare il DNA, e quindi esporre maggiormente al rischio di cancro.