Condividi

Un cagnolino è stato trovato in pessime condizioni – con diverse ustioni e pieno di larve sul corpo – a Castro, nel Leccese, e purtroppo non ce l’ha fatta. Il cane – non si sa quanti anni potesse avere – è morto nelle ultime ore nell’ambulatorio veterinario nel quale era stato portato e avevano cercato invano di salvargli la vita. Nel tardo pomeriggio di ieri le foto del povero animale erano apparse sul profilo Facebook del Caas Coordinamento Associazioni Animaliste Salentine, che ringraziava i volontari che avevano portato il cane presso l’ambulatorio veterinario: “Quest’anima è stata ricoverata presso l’ambulatorio veterinario affinché, si spera, possa ricevere le cure necessarie e salvarsi”, si legge sulla pagina Facebook in cui ci si chiede anche chi è stato a ridurlo così. Dopo non molto, purtroppo, è arrivata la notizia che il cane non ce l’ha fatta. Le condizioni di salute del cagnolino trovato a Castro erano troppo gravi.

Come riporta lecceprima.it non è escluso che il cane possa essersi provocato quelle bruciature da solo ma appare molto più plausibile l’ipotesi che qualcuno del luogo, probabilmente perché infastidito da quel randagio, abbia deciso di dargli fuoco invece di allertare, per esempio, la polizia locale o qualsiasi canile della provincia. Come fa sapere lo stesso “Coordinamento Associazioni Animaliste Salentine C.A.A.S”  si cercherà di fare chiarezza sull’episodio, nella speranza di identificare gli eventuali responsabili di un tale gesto.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteInghilterra, la casa di riposo hot: a cena arrivano i camerieri spogliarellisti
Prossimo articoloCondono, scintille fra Salvini e Di Maio: "Di Maio sapeva" accusa Salvini, "Non sono un bugiardo" ribatte il vicepremier M5s