Lecce, Dottore perde le staffe e aggredisce un pensionato: “Deve essere radiato”

“Il danno che questo medico ha provocato al suo paziente è un episodio raccapricciante e inaccettabile e rappresenta esattamente l’opposto rispetto al quotidiano immane sacrificio che i medici pugliesi stanno sostenendo in questo periodo drammatico”, così il governatore della Puglia Michele Emiliano ha commentato quanto accaduto ieri a Calimera, in provincia di Lecce, dove un medico di base ha picchiato un anziano paziente di 86 anni colpendolo con schiaffi e calci e provocandogli evidenti tumefazioni al volto e un occhio nero.
“L’episodio merita di essere sanzionato con la radiazione dall’Ordine dei Medici, ma non è compito della Regione Puglia provvedere in tal senso. Sicuramente questa persona non merita di continuare a svolgere il ruolo di medico di medicina generale” e quindi ho dato mandato al direttore generale della Asl di revocare immediatamente la convenzione “.

Proprio su iniziativa dell’Asl salentina è arrivato il primo provvedimento per il suo comportamento. L’azienda sanitaria locale ha comunicato di aver immediatamente sospeso il professionista, avviando la procedura per la revoca definitiva della convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale. “Quello che è accaduto a Calimera è di una gravità inaudita, al paziente aggredito va tutta la nostra solidarietà e il nostro supporto. L’accaduto non fa onore ai tanti medici di famiglia che con abnegazione, anche a costo della vita, curano i pazienti presso i loro domicili in piena emergenza epidemiologica” hanno fatto sapere dall’Asl.

“SELVAGGIAMENTE AGGREDITO UN INERME CITTADINO”

Contro il dottore si è scagliato anche l’ordine dei Medici che lo ha convocato davanti alla commissione di disciplina per are conto dell’accaduto. “Tutta la comunità medica salentina rimane basita, addolorata e profondamente offesa dal vile comportamento di un individuo iscritto al nostro Ordine professionale che ha selvaggiamente aggredito un inerme cittadino, vicino ad uno studio medico a Calimera. L’offesa non è solo nei confronti di quest’ultimo, cui esprimiamo tutta la nostra solidarietà, ma anche una gravissima offesa ai danni di tutti i Medici (e a quelli della prima linea nel territorio e in ospedale in particolare), che in questi giorni difficili stanno sacrificando tutto e spesso la loro stessa vita per una professione di servizio” ha dichiarato il presidente dell’ordine dei medici salentini Donato De Giorgi.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche