Carabiniere aggredito a martellate

Ancora aggressioni alle forze dell’ordine. Le violenze non si fermano neanche con il pericolo coronavirus

Topi d’auto ancora in azione nella notte intercettati dai carabinieri: un malvivente, nella fuga, lancia un martello e uno stereo addosso ad un militare dell’Arma ma viene bloccato e arrestato.

Succede a Civitanova, come raccorta il Corriere Adriatico. Si tratta di un ventisettenne moldavo, che ora si trova agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

L’operazione è scattata nella notte tra martedì e mercoledì nell’ambito di uno specifico servizio straordinario di controllo del territorio, finalizzato al contenimento della diffusione del Coronavirus, come disposto dal comando provinciale dei carabinieri guidati dal colonnello Michele Roberti. Il complice del moldavo è riuscito a fuggire.

Nelle stesse ore, un’altra aggressione ai Carabinieri di Legnaro, intervenuti su un’aggressione ad un cittadino da parte di un vicino di casa. Come racconta Il Gazzettino, un giovane di 19 annigià noto alle Forze dell’ordine, avrebbe iniziato con l’aggressione per futili motivi al vicino di casa, un 33enne, picchiandolo e procurandogli lesioni personali giudicate poi guaribili in 25 giorni: ferite lacerocontuse al naso e fratture alle ossa nasali.

Non contento, il 19enne avrebbe poi aggredito anche i carabinieri, che lo hanno immobilizzato e accompagnato in caserma.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche