Condividi

La donazione di attrezzature per la lavorazione del legno, per la ristrutturazione del laboratorio di carpenteria della “School for children with special needs” di Ayta Ash Sha’b nel sud del Libano ha concluso un progetto a favore delle fasce deboli della popolazione.

I paracadutisti dell’8° Rgt. Genio Guastatori della Engineer Company del Combat Support Battalion, riporta GrNet, hanno completato il quick impact project che rientra nell’ambito delle attività di cooperazione Civile Militare (CIMIC).

Il laboratorio, ristrutturato in soli tre giorni dai Paracadutisti del Genio Guastatori, risulta fondamentale per i giovani studenti diversamente abili che hanno voluto partecipare in prima persona alla ristrutturazione. Tale struttura consente lo svolgimento di molte attività quali l’educazione fisica e mentale dei bambini disabili e l’insegnamento di un mestiere per l’inserimento nel mondo del lavoro.

Leggi anche:  «Ci sono nuove prove, riaprire l'indagine su Emanuele Scieri, il parà morto in caserma a Pisa»

I quick impact project sono attività a breve termine che hanno un ritorno eccezionale per la popolazione locale proprio per la velocità di realizzazione e per il diretto ed immediato beneficio a favore utilizzatori.

La sostenibilità del progetto è garantita dalla donazione dei materiali e dalla organizzazione di un corso svolto da alcuni dei falegnami italiani a favore del responsabile del laboratorio e di alcuni bambini selezionati che potranno incrementare, in prima persona, gli interventi di manutenzione degli arredi e delle attrezzature della scuola, creando oggetti e giochi tesi ad aumentare la loro creatività, nonché a migliorare il benessere ed il comfort all’interno delle loro aule.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteEcco i nuovi Guardrail antiurto, l'ultima novità dell'Anas
Prossimo articoloRitrovata Miriam, la mamma di due figli scomparsa da lunedì