L’importanza della Memoria: la strage dei soldati italiani a Mogadiscio

Ci sarebbero decine di ricorrenze da celebrare ogni anno per non dimenticare. Troppe. Il rischio è che l’Italia dimentichi quanti militari siano caduti negli ultimi decenni nelle tante missioni internazionali, alcune delle quali ancora in corso. Caduti rispettati sempre in modo bipartisan dalla politica, a prescindere dalle posizioni su determinate scelte di politica estera.

In un momento in cui l’Africa è al centro dell’attenzione per i flussi migratori, è giusto ricordare che 24 anni fa, il 2 luglio 1993, a Mogadiscio ci fu l’agguato al check point Pasta in cui morirono tre soldati italiani e 36 rimasero feriti nello scontro con i miliziani somali. L’emozione fu enorme, oggi nessuno la ricorda.

Le vittime furono il sottotenente Andrea Millevoi, il sergente maggiore Stefano Paolicchi  e il caporale Pasquale Baccaro, tutti medaglie d’oro al valor militare alla memoria. Tra i feriti Gianfranco Paglia, allora sottotenente e oggi tenente colonnello in servizio al ministero della Difesa, perse l’uso delle gambe nel tentativo di salvare l’equipaggio di un blindato ed ebbe la medaglia d’oro al valor militare; il sergente maggiore Pasquale Monti quella d’argento.

Ma come ulteriore esempio del sacrificio dei militari, proprio il 2 luglio ricorre un altro lutto, quello del caporale maggiore scelto Gaetano Tuccillo, morto nel 2011 per l’esplosione di uno Ied (ordigno improvvisato), uno dei 54 caduti italiani in Afghanistan.