Condividi

Ci sarebbero decine di ricorrenze da celebrare ogni anno per non dimenticare. Troppe. Il rischio è che l’Italia dimentichi quanti militari siano caduti negli ultimi decenni nelle tante missioni internazionali, alcune delle quali ancora in corso. Caduti rispettati sempre in modo bipartisan dalla politica, a prescindere dalle posizioni su determinate scelte di politica estera.

In un momento in cui l’Africa è al centro dell’attenzione per i flussi migratori, è giusto ricordare che 24 anni fa, il 2 luglio 1993, a Mogadiscio ci fu l’agguato al check point Pasta in cui morirono tre soldati italiani e 36 rimasero feriti nello scontro con i miliziani somali. L’emozione fu enorme, oggi nessuno la ricorda.

Le vittime furono il sottotenente Andrea Millevoi, il sergente maggiore Stefano Paolicchi  e il caporale Pasquale Baccaro, tutti medaglie d’oro al valor militare alla memoria. Tra i feriti Gianfranco Paglia, allora sottotenente e oggi tenente colonnello in servizio al ministero della Difesa, perse l’uso delle gambe nel tentativo di salvare l’equipaggio di un blindato ed ebbe la medaglia d’oro al valor militare; il sergente maggiore Pasquale Monti quella d’argento.

Ma come ulteriore esempio del sacrificio dei militari, proprio il 2 luglio ricorre un altro lutto, quello del caporale maggiore scelto Gaetano Tuccillo, morto nel 2011 per l’esplosione di uno Ied (ordigno improvvisato), uno dei 54 caduti italiani in Afghanistan.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCarabiniere fuori servizio salva una donna dal suicidio
Prossimo articoloLa sua vittima è molto anziana e si sente male. Il ladro la soccorre e poi va via senza derubarla

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.