Vittoria. Lo sfogo del papà di Simone, travolto da Rosario Greco: “si deve uccidere lui in galera, non lo devo uccidere io…”

“A Vittoria fanno quello che vogliono queste persone. Noi sappiamo chi sono e ci dobbiamo girare..”. Lo sfogo del papà del piccolo Simone.

VITTORIA – Una piazza e una chiesa gremita hanno accolto la bara bianca del piccolo Simone D’Antonio, morto domenica nell’ospedale di Messina travolto dal Suv che ha ucciso il cuginetto, morto subito dopo l’impatto.

Fuori dalla chiesa c’erano alcune migliaia di persone e quasi tutte in lacrime a dare l’estremo saluto al piccolo Simone D’Antonio. Il corteo aperto dai giovani dei gruppi parrocchiali del Gees della diocesi di Ragusa.

Dietro la bara i genitori Antonio e Valentina e subito dopo il vicepremier Luigi Di Maio e il commissario straordinario del comune Filippo Dispenza, ma anche autorità militari e civili.

LEGGI ANCHE: Il dolore di Alessandro, il papà del piccolo Alessio: “Non riesco più a entrare in casa mia. Vado via..”

Ingente lo spiegamento delle forze dell’ordine. Tante persone sono rimaste fuori dalla chiesa perché strapiena in ogni ordine di posto.

Al funerale il Vicepremier Luigi Di Maio

“gli chiedo di cambiare queste leggi. Chi ha ucciso mio figlio non deve tornare in libertà”.

“Si deve uccidere lui in galera, non lo devo uccidere io” ha detto il papà ai microfoni di Mediterraneo “lo uccida lo Stato lasciandolo in galera a morire, ma non qua vicino in zona, il più lontano possibile. Se no mi tocca andare io, se lui esce mi tocca andarmene io da Vittoria”

LEGGI ANCHE: parlano i genitori del piccolo Alessio: “due giorni e lo buttano fuori.. Io non riesco a stare a casa”

Antonio D’Antonio, padre di Simone, uno dei cuginetti falciato e ucciso dal Suv killer a Vittoria ha paura di vedere presto fuori dal carcere Rosario Greco, il 37enne che una settimana fa, alla guida di un Suv ha falciato e ucciso i due cuginetti Alessio e Simone D’Antonio.

L’uomo, come noto, è poi risultato positivo ad alcool e cocaina. E il papà fa un appello al governo, ripreso dal quotidiano LaSicilia: “Devono buttare la chiave della cella dove è rinchiuso. Non lo devo uccidere io ma ci deve pensare lo Stato. Ecco perchè chiedo a Di Maio e Salvini di fare qualcosa per cambiare queste leggi”.