Condividi

TRENTO. – Luca Abrigo è di Alba e dal 2 novembre ha fatto perdere le sue tracce. Non è più rientrato a casa dopo essere uscito la mattina presto.

“È fondamentale continuare a cercarlo – l’appello della moglie Nadia sul Dolomiti – non smettere di diffondere i suoi dati, per cercare di individuare almeno la posizione dell’automobile e in questo modo arrivare a lui”

Luca, si legge sul giornale, ha preso la macchina per andare al lavoro, ma al lavoro non è mai arrivato. Vani i tentativi di chiamarlo al cellulare che risulta spento. Le ricerche nei dintorni sono partite immediatamente. Gli amici hanno pensato di estendere le ricerche, ipotizzando che con la sua Nissan Quashqai di colore grigio (targata EY350DA) possa aver raggiunto altre mete.

Si apprende oggi, inoltre, che le ricerche sarebbero state estese con un monitoraggio dall’alto attraverso un elicottero e numerose pattuglie a terra. Acquisite inoltre numerose immagini di telecamere pubbliche e private, non si è arrivati ancora a nessun risultato. Nessuna segnalazioneperò di Abrigo. Tra le possibili destinazioni anche il Trentino.

“Vi chiedo la grande cortesia di far passare, se vi e possibile, l’immagine di questo ragazzo, scomparso da casa già da una settimana – scrive un amico al quotidiano, appello che anche noi abbiamo deciso di raccogliere -. Lo stiamo cercando dappertutto, ma visto che è un estimatore del Trentino, dove veniva spesso in vacanza, non escludiamo possa magari trovarsi da quelle parti”.

Ogni segnalazione è di fondamentale importanza e nel caso di un avvistamento è importante avvisare immediatamente le forze dell’ordine ed eventualmente contattare il 338 8998674.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMulte salate e confisca del veicolo per chi circola con targhe straniere in Italia
Prossimo articoloTreviso, papà cade dalle scale con il figlio in braccio: bimbo muore a 2 mesi