Condividi

Apprendiamo dai siti parmapress24.it e gazzettadiparma.it la scomparsa del Tenente Colonnello Luigi PETESE, prematuramente deceduto a causa di una grave malattia.

Aveva 42 anni ed era pugliese. Lascia la moglie e due figli piccoli. Luigi era nato nel 1977 a Mesagne, nella provincia di Brindisi. Arruolatosi nel Corpo nel 1996, dopo il corso di formazione presso l’Accademia di Bergamo aveva comandato,come primo incarico negli anni compresi tra il 2003 ed il 2005, l’allora Tenenza di Sassuolo; aveva poi ricoperto prestigiosi incarichi presso il Nucleo Speciale di Polizia Valutaria di Milano ed il Comando Generale della Guardia di Finanza di Roma.

Dall’estate 2015 comandava il Gruppo Tutela Economia del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Parma: nella città ducale si era distinto per avere condotto con successo – alla guida dei suoi uomini – importantissime operazioni di polizia giudiziaria. Aveva inoltre partecipato alla redazione di diverse ed importanti pubblicazioni in materia fiscale.

I colleghi, così tutti coloro che hanno avuto l’onore di conoscerlo, lo ricordano – in particolare – per le incredibili doti umane, lagenerosità e l’atteggiamento costantemente positivo, oltre cheper le rare e ragguardevoli qualità professionali.Era inoltre un appassionato sportivo, tanto da avere affrontato – con ottimi risultati – innumerevoli maratone così come la temibile “100 chilometri del Passatore”.Lascia la moglie, signora Sara, e i due figli, Tommaso e Diego, rispettivamente di 5 e 2 anni.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSri Lanka, nuova esplosione vicino una Chiesa. Trovati 87 detonatori in stazione del bus
Prossimo articoloSri Lanka. "Colazione di pasqua", l'ultimo selfie della chef prima del massacro

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.