Condividi

Lascia la camera ardente tra due ali di folla il feretro del maresciallo Vincenzo Di Gennaro. Il corteo che lo accompagna il feretro percorre la distanza che separa il palazzo del Comune dalla Cattedrale. Il passaggio della bara è stato accolta da un lungo applauso. Molti cittadini hanno urlato “Onore”. Il feretro era seguito dai familiari del maresciallo: il padre Luigi, la sorella Lucia e la compagna. Dietro in corteo anche il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta e le alte cariche dell’Arma dei Carabinieri. La ministra, visibilmente scossa, ha preferito non rilasciare alcuna dichiarazione. Sulla bara una corona di fiori della famiglia. Anche il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte e il presidente della Camera, Roberto Fico sono giunti nella cattedrale. Al suo ingresso in chiesa il feretro è stato accolto da un lunghissimo applauso. Sulla bara il Tricolore e il berretto indossato dal maresciallo Di Gennaro.

“E la realtà triste del nostro Sud Italia, terra meravigliosa, tradita da promesse perennemente irrealizzate di promozione sociale, di politiche di sviluppo, di novità imprenditoriali”, dice nell’omelia l’arcivescovo Santo Marcianò, ordinario militare italiano. Il rito solenne viene officiato dallo stesso presule e concelebrato dal vescovo di San Severo, Giovanni Checchinato. Una terra, ha aggiunto Marciano’, “tradita da una giustizia che sembra soppiantata dall’illegalità, dalla prepotenza, dalla violenza, da una criminalità organizzata che rende vittime sempre più inermi. Tradita dalla corruzione di alcuni suoi figli, vicini come Giuda a Gesù, i quali sembrano volerla consegnare alla distruzione, per smanie di denaro o di potere”. “Vincenzo ha dato la sua vita per lo Stato”
“Caro papà Luigi, so che, assieme al dolore lacerante, tu senti ora questo orgoglio: l’aver dato la vita a un figlio che è stato capace di dare la sua vita per un servizio allo Stato, alle Istituzioni, al Paese, alla gente, all’uomo; per un amore dell’uomo, della vita umana. Un amore che egli ha riversato su tutti. Oggi i sogni sembrano irrimediabilmente infranti e resta una realtà straziante, che è fatta di morte ma è fatta pure di amore, più forte della morte” ha continuato mons. Santo Marcianò durante l’omelia. “Oggi sento un profondo turbamento che si fa grido per una terra spesso tradita, abbandonata, sola. Ma, in questa solitudine – ha detto ancora- risplende ancor più la grandezza del gesto di Vincenzo, segno della sua dedizione incondizionata e della vicinanza autentica degli uomini e donne dell’Arma dei Carabinieri, delle Forze Armate, delle Forze dell’Ordine: talvolta è solo in loro che i cittadini riconoscono la presenza dello Stato!”. “Grazie Vincenzo, perché sei stato un portatore di bene, nelle diverse realtà e strutture nelle quali si è consumata la tua missione. Grazie perché hai contribuito a portare alla luce il bene nascosto nei cuori di tantissimi cittadini di questa splendida terra e nel servizio mite e pacifico, ma eroico e altamente competente, dei tuoi colleghi, della tua amata arma dei carabinieri, famiglia di servi dello stato”. I nostri carabinieri combattono” contro una “quotidianità inquinata, non ad armi pari”, detto l’arcivescovo.

Il generale Nistri: “resta certezza nei valori dello Stato”

“Il maresciallo dei carabinieri c’è e c’è sempre soprattutto nei piccoli centri che sono il nervo della nostra società. Questa sembra la fotografia di Vincenzo, e questo ci da ulteriore forza e ulteriore convincimento a dover continuare a operare” ha affermato il comandante generale dell’Arma dei carabinieri, gen. Giovanni Nistri, al termine del funerale. “Mi tornano in mente le parole del padre del maresciallo, il signor Luigi: “Non perderò mai la fiducia nello Stato”. Questo è il motivo per cui a nome di tutta l’Arma dei carabinieri devo ringraziarla, a lei a Stefania e a Lucia (la sorella di Di Gennaro, ndr). Tutta questa certezza nei valori dello Stato sono i valori che avete trasmesso a Vincenzo. La storia professionale di Vincenzo è semplice, perché a quasi 23 anni ha fatto una scelta ed è entrato nell’Arma. Due anni dopo è stato destinato in una terra difficile e dura, in Calabria dove è stato per dieci anni.
Poi è tornato nella sua terra che lo ha accolto fino all’ultimo giorno. Tre cose ho capito di Vincenzo: era un uomo di fede, che credeva in San Pio, che credeva nella famiglia e che credeva nella propria squadra, la Juventus”. “Semplicità e umiltà – ha concluso – sono due modi per declinare l’essenza di questo carabiniere”.

“NON CI SEPARERA’ NEANCHE LA MORTE”

“In questi giorni ho tanta confusione. L’unica ragione che mi dà la forza di guardare avanti sono i nostri ricordi. Avevamo tanti progetti, ma la vita è stata crudele e ti ha portato via troppo presto. Come mi dicevi sempre tu: noi siamo due corpi e un’anima e neanche la morte ci separerà” ha detto alla fine del funerale Stefania Gualano, la compagna del maresciallo Di Gennaro.

Un lungo applauso accompagna il feretro dopo il funerale “Giustizia per Vincenzo” ha urlato una donna dai banchi della cattedrale mentre lentamente il feretro abbandonava la navata centrale della Chiesa. Un lungo applauso ha accompagnato l’uscita della bara dalla chiesa dove, dopo la cerimonia, il premier Giuseppe Conte si è avvicinato alla famiglia Di Gennaro per stringere la sorella Lucia e il padre Luigi. Poi ha conversato per qualche minuto con l’arcivescovo Santo Marcianò. Anche il presidente della Camera, Roberto Fico ha espresso il proprio cordoglio alla famiglia Di Gennaro.

Il padre del maresciallo da questa mattina non ha abbandonato un solo istante il feretro del figlio. Inoltre, secondo quanto si è appreso, ai funerali prenderà parte anche il padre dell’altro militare rimasto ferito, Pasquale Casertano. L’uomo avrebbe chiesto di partecipare alla funzione religiosa accanto alla famiglia Di Gennaro.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteNotre Dame, il re del lusso Bernard Arnault dona 200 milioni di euro per la ricostruzione
Prossimo articoloImprenditore suicida nella sua azienda in crisi: in una lettera un'accusa alle banche e agli amministratori