Condividi

SOS1307457Bologna, 20 settembre 2013 – La polizia di Stato di Bologna dopo un indagine avviata nel marzo 2013 in collaborazione con il Servizio centrale operativo della polizia di Stato (Sco), e con il personale della Divisione Interpol, del Settore polizia di frontiera e di personale della sezione catturandi della squadra mobile ha proceduto all’arresto, in esecuzione di un ordine di carcerazione, del pregiudicato Giovanni Costa, nato a Villabate (Pa). Era ricercato poiché aveva da espiare la pena di anni 12 per reato continuativo.

Giovanni Costa, già sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di Bologna, per la durata di 5 anni, risulta ex titolare ed amministratore unico del cantiere navale ‘Mochi Craft’ di Pesaro e della controllata ‘Poliver srl’ di Fano. L’uomo possedeva società immobiliari, assicurative e di costruzioni e, attraverso altre società immobiliari, era titolare di diversi appartamenti nel villaggio turistico ‘Porto Rosa’ di Furnari (Me), nell’isola di Vulcano e a Villabate (Pa). Costa, insieme alla ex moglie Giuseppa Pandolfo, avrebbe ripulito i proventi di attività di affiliati a Cosa Nostra mediante una truffa finanziaria, organizzata in Sicilia da Giovanni Sucato (quest’ultimo trovato carbonizzato dentro la sua auto, nell’anno 1995).

La Procura della Repubblica di Palermo, nell’anno 2001, a seguito delle rivelazioni di alcuni pentiti, lo ha accusato di avere riciclato denaro (stimato in circa 900 miliardi di vecchie lire) di provenienza mafiosa ritenendolo interno alla cosca riconducibile alla famiglia mafiosa di Portanuova, facente capo a Pietro Aglieri, per il tramite dei capi famiglia Salvatore Montalto e Vincenzo di Villabate (PA). L’attività tesa alla cattura del latitante è iniziata nel marzo di quest’anno con l’attivazione di intercettazioni telefoniche delle utenze in uso ai familiari di Costa che hanno consentito di localizzarlo nella Repubblica di Santo Domingo. Il prosieguo delle attività tecniche, implementate con il ricorso anche alle intercettazioni telematiche ed il monitoraggio delle carte di pagamento, hanno consentito di localizzare l’uomo in località La Romana. Alle 17 di ieri è giunto in Italia mediante un volo aereo presso l’aereoporto di Fiumicino scortato da personale della polizia nazionale Dominicana ed è stato preso in consegna, tratto in arresto e portato nel carcere di Civitavecchia.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMaxi evasione da 50 milioni, arrestato imprenditore
Prossimo articoloScontro fra autobus a Roma ai Mercati Generali, 14 feriti