Condividi

SOS1307598Palermo, 24 settembre 2013 – La Dia ha definitivamente confiscato il patrimonio di Giuseppe Grigoli, ex ‘re dei supermercati’ di Castelvetrano (Trapani), ritenuto legato al boss latitante Matteo Messina Denaro. I beni sottratti a Grigoli, che gestiva in Sicilia una rete di punti vendita a marchio Despar, ammontano a 700 milioni di euro.

Grigoli il 31 gennaio del 2011 e’ stato condannato a 12 anni per associazione mafiosa. Il suo nome compare in vari ‘pizzini’ di boss mafiosi, tra l’altro, nei bigliettini che si scambiarono il capomafia di Agrigento, Giuseppe Falzone, e Matteo Messina Denaro: il primo voleva far pagare il ‘pizzo’ alle attivita’ di Grigoli, protetto dal secondo.

La confisca colpisce, tra l’altro, dodici societa’, 220 fabbricati tra palazzine e ville, 133 appezzamenti di terreno per 60 ettari ed uno yacht di 25 metri.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePane gratis o fuoco a negozio, denunciati romeni
Prossimo articoloFrode fisco, 155 milioni da falso export di cellulari a S. Marino