Condividi

Macabra scoperta in Russia. 54 arti ritrovati in un sacco.

Il ritrovamento è avvenuto nei pressi di un’isola fluviale vicino a Chabarovsk, città della zona orientale del Paese, vicino al confine con la Cina.

È stato un pescatore a notare quella mano tra la neve, un ritrovamento agghiacciante che dà lì a poco avrebbe condotto la polizia al rinvenimento di un sacco con 54 arti.

La scoperta orripilante è stata fatta nelle scorse ore da un uomo che ha immediatamente contattato la polizia

 

 

Lo riporta il tabloid britannico “The Sun”. Si tratta di un’area perlopiù disabitata e frequentata solo da pescatori.

Al momento, come riferisce Il Messaggero che cita come fonte il The Siberian Times, il caso rimane avvolto nel mistero:

non si è ancora risalito a chi appartengano gli arti, così come rimangono diversi punti di domanda sul perché siano state amputate per poi essere abbandonate.

Dai primi accertamenti sono state individuate le impronte digitali su una mano, mentre continuano i rilievi sugli altri arti.

Potrebbe trattarsi di un caso di mutilazione in seguito a delle punizioni inflitte a persone colpevoli di furto oppure il ritrovamento potrebbe essere legato a vittime di commercianti di organi, che non devono essere identificate.

Una terza ipotesi riguarda invece esercitazioni di studenti su cadaveri. Le mani sono in fase di analisi.

I monconi appartengono a due a due a 27 persone.

“È uno spettacolo disgustoso” ha riferito un abitante del villaggio. Intanto la polizia, che si è rifiutata di commentare e rilasciare dettagli, continua la sua indagine sul caso.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteFrancia, muore nel sonno Thomas Rodriguez, calciatore di 19 anni del Tours
Prossimo articoloConcorso in ATV: Bando per diventare autisti. Richiesta solo la licenza media. Dettagli, Bando, Domanda