Condividi

Tragedia San Bonifacio: morto il comandante dei carabinieri di San Giovanni Ilarione. Marco Brentonego, 48 anni, guidava la stazione locale dall’estate scorsa.

Si è suicidato con l’arma di servizio nelle scorse ore a San Bonifacio, come troppe volpe spesso accade oramai alle forze dell’ordine, questa volta però il fatto è accaduto davanti ai colleghi, che nulla hanno potuto per fermare il gesto. Lo racconta il Giornale di Vicenza di oggi. Il Carabiniere che ha deciso di togliersi la vita si chiamava Marco Brentonego, aveva 48 anni ed era il maresciallo dei carabinieri già in forza alla stazione di Lonigo

L’uomo soffriva di alcuni problemi e la tragedia aveva iniziato a prendere forma nelle ore precedenti e secondo quando raccontato dal quotidiano locale, già nel fine settima aera stata segnalata la sua scomparsa ed assieme a lui, come prevedibile, l’arma d’ordinanza. Proprio per questo erano immediatamente scattate le ricerche, nel timore che qualcosa di grave potesse accadere. I colleghi Carabinieri hanno messo in campo tutte le forze possibili, le unità cinofile e un elicottero

“Verso il tramonto – racconta quindi Il Giornale di Vicenza – la mobilitazione si è spostata a San Bonifacio. Lì, all’altezza del ponte della Motta, i carabinieri sono riusciti finalmente a rintracciare il collega, ma a quel punto la situazione è precipitata: il maresciallo, non appena li ha visti, si è fermato, ha estratto la pistola e l’ha rivolta verso di sé”

Per il momento non sono stati trovati biglietti o altre forme di messaggio scritti dal carabiniere che spiegassero chiaramente i motivi del tragico gesto.

Articolo precedenteImmersione fatale nel lago di Garda. Muore Miguel Verdecchia, Graduato in forza al 6° Stormo di Ghedi
Prossimo articoloFredy Pacini. Il ladro ucciso disse ai poliziotti "Sono in Italia per rubare". Tutti i reati dell'uomo