Condividi

“Qualunque forma avrà, il Morandi, con le sue 43 vittime, sarà sempre e comunque il nostro ponte. E sarà sempre parte delle nostre vite”. Così Marco Gastaldi e Antonio Fiore, assistenti capo della polizia stradale di Ovada, tra i primi a intervenire il giorno del crollo, premiati oggi con una targa ricordo. Alla consegna erano presenti Maria Dolores Ricci, dirigente del Compartimento Piemonte e Valle d’Aosta della Polstrada; il prefetto e il questore di Alessandria, Antonio Apruzzese e Michele Morelli, e il sindaco di Ovada, Paolo Lantero.

Leggi anche:  Nomade mangia e cucina un gatto: annunciato il foglio di via / VIDEO

“Non dimenticheremo mai tutte quelle persone traumatizzate che in noi, e nella nostra divisa, hanno avuto in quei minuti drammatici l’unico riferimento – ricordano – C’è voluto grande sangue freddo per far muovere camion e auto in retromarcia in quegli attimi infiniti”. Il ricordo si fa commosso: “Tutte le volte che vediamo quei monconi, pensiamo al piccolo Samuele, la vittima più giovane. Purtroppo non abbiamo potuto salvarlo”.

LEGGI ANCHE: Crollo ponte, parla il poliziotto del video: “Le persone non avevano capito la gravità della situazione”
LEGGI ANCHE: Tragedia di Genova, “Ho visto la gente corrermi incontro, scalza e terrorizzata”. Ci sono morti / VIDEO

Articolo precedenteGiustizia per il Capitano Ultimo: il TAR finalmente gli restituisce la scorta
Prossimo articoloCentinaia di persone al gelo di notte per oltre 12 ore per comprare le scarpe di marca