Condividi

“Qualunque forma avrà, il Morandi, con le sue 43 vittime, sarà sempre e comunque il nostro ponte. E sarà sempre parte delle nostre vite”. Così Marco Gastaldi e Antonio Fiore, assistenti capo della polizia stradale di Ovada, tra i primi a intervenire il giorno del crollo, premiati oggi con una targa ricordo. Alla consegna erano presenti Maria Dolores Ricci, dirigente del Compartimento Piemonte e Valle d’Aosta della Polstrada; il prefetto e il questore di Alessandria, Antonio Apruzzese e Michele Morelli, e il sindaco di Ovada, Paolo Lantero.

Leggi anche:  Cocaina da Sudamerica, manette a portuale

“Non dimenticheremo mai tutte quelle persone traumatizzate che in noi, e nella nostra divisa, hanno avuto in quei minuti drammatici l’unico riferimento – ricordano – C’è voluto grande sangue freddo per far muovere camion e auto in retromarcia in quegli attimi infiniti”. Il ricordo si fa commosso: “Tutte le volte che vediamo quei monconi, pensiamo al piccolo Samuele, la vittima più giovane. Purtroppo non abbiamo potuto salvarlo”.

LEGGI ANCHE: Crollo ponte, parla il poliziotto del video: “Le persone non avevano capito la gravità della situazione”
LEGGI ANCHE: Tragedia di Genova, “Ho visto la gente corrermi incontro, scalza e terrorizzata”. Ci sono morti / VIDEO

Articolo precedenteGiustizia per il Capitano Ultimo: il TAR finalmente gli restituisce la scorta
Prossimo articoloCentinaia di persone al gelo di notte per oltre 12 ore per comprare le scarpe di marca

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.