Condividi

Padova – Non come quelli di carta ma in carne ed ossa, sono eroi veri questi Carabinieri, il Maresciallo Capo Marialdo Rossin, comandante Stazione a Legnaro e il Carabiniere Saverio Trotta che hanno letteralmente strappato alla morte un bambino di appena 5 anni

La storia è nota ed è stata raccontata negli scorsi giorni anche dai media nazionali ma quello che non è stato reso noto è il dettaglio della vicenda che andiamo a illustrare noi di seguito e che è stato raccontato dal comandante stesso della stazione, protagonista del gesto

Questa tragica storia inizia con una madre con gravi crisi che un giorno cerca di togliere la vita alla stessa creatura che cinque anni prima aveva messo al mondo, per farlo decide di usare dei narcotivi e degli ansiolitici, una dose massiccia. In parte, medicinali che lei stessa usava, in cura da tempo per una gravissima forma di depressione

“il bambino era cianotico, steso su una copertina, sul sedile posteriore di una macchina. Sembrava avesse finito di respirare, certamente era privo di sensi”. Nella mente della donna, probabilmente, il piano doveva essere quello di uccidere prima il figlioletto e poi farla finita a propria volta.

Va avanti il Maresciallo “Abbiamo capito e l’’abbiamo bloccata mentre era ferma al semaforo rosso all’angolo tra via Gozzi e via Trieste. La donna non voleva aprire la porta, era in stato confusionale”. Fortunatamente, il Maresciallo, assieme ad un collega più giovane, il Carabiniere Saverio Trotta, è riuscito a convincere la donna dopo lunghe trattative. Non dimenticheranno mai l’episodio, l’angoscia di essere arrivati tardi, ma questa volta è andata bene

La donna, seguita da tempo e ora portata in una struttura psichiatrica, è stata arrestata e denunciata con l’accusa di tentato omicidio aggravato. Si tratta di una 44enne del piovese. Abita ion una casa dove è sotto sfratto. A salvare la situazione, un messaggio vocale mandato al compagno dove la donna lo avvisava delle sue intenzioni. I Carabinieri hanno individuato la 44enne agganciando le celle telefoniche.

Articolo precedenteOspedale di Siracusa: crolla intonaco dal soffitto, feriti pazienti in stanza
Prossimo articoloLutto per l'Arma: non ce l'ha fatta il Carabiniere rimasto vittima dell'incidente. Il dolore dei colleghi corre sul web