Condividi
Marino da chirurgo ad allevatore: questa è l'unica vacca rimasta da mungere a Roma
Si chiama Carina. E si è fatta spremere la mammelle da tanti politici, davanti a flash e telecamere, in piazza del Campidoglio. Sotto gli occhi vigili del Marc’Aurelio a cavallo. Carina, la mucca della Coldiretti, è passata anche dalle mani del sindaco Ignazio Marino. Uno, due, ritmo ed ecco il latte.
Al termine della mungitura al chirurgo dem, tornato in camice anche se questa volta giallo, è scappata una battuta figlia dei tempi che vive Roma: «Con la nostra amministrazione vacche come Carina, la vacca che oggi ho munto qui, è l’unica vacca da mungere rimasta a Roma». Riferimento al punto e a capo voluto dalla giunta dopo anni di scandali e inchieste, per ultima quella di Mafia Capitale, sprechi e ruberie. Il risultato è sotto gli occhi tutti: il Comune di Roma ha imbarcato negli ultimi dieci anni più di un miliardo di euro di debiti. Tanto che le casse capitoline se la passano male, come dimostra il piano di rientro imposto dal Governo (440 milioni in tre anni). Ecco perché Carina è l’unica vacca rimasta da mungere, in una stalla ormai chiusa dove i buoi sono già tutti scappati, però.
(fonte Simone Canettieri su IlMessaggero)

A.P.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteProf fa sesso con due alunni minorenni, ecco come ha adescato gli studenti
Prossimo articoloIncendio in una scuola paura fra gli alunni, edificio evacuato