Condividi

“Da vedova, di un servitore della nostra straordinaria Nazione, chiedo giustizia e non vendetta per il mio Mario.

E sono certa che, il mio auspicio, verrà tramutato in realtà dal lavoro dei miei avvocati e dai giudici che, con tanto impegno quotidiano, hanno portato a termine brillantemente le indagini”.

Lo ha detto, tramite l’avvocato Massimo Ferrandino, la signora Rosa Maria Esilio, vedova del carabiniere Mario Cerciello Rega, il carabiniere ucciso la notte del 26 luglio scorso con 11 coltellate a Roma.

In relazione all’omicidio sono in carcere i due giovani statunitensi Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjort.

Oggi il gip ha disposto il giudizio immediato per i due è il processo inizierà il 26 febbraio prossimo.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteEvade dai domiciliari e prende a testate un poliziotto: in manette
Prossimo articoloAgente della Polizia Locale investito e ucciso a Milano da un rom alla guida di un suv: ora il Comune si costituisce parte civile nel processo

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.