Martina e Giuseppe Giangrande a Manuel Bortuzzo: “Manuel, le barriere sono nella nostra testa”

Non siamo qui a chiederti o a insegnarti nulla, perché anche te sin dall’inizio ti sei dimostrato un guerriero, non ti sei buttato giù più del consentito e sei riuscito a vedere il rovescio della medaglia: siamo estremamente contenti e fieri di questo tuo atteggiamento super positivo, ma da uno sportivo come te non potevamo aspettarci niente di diverso. La strada sarà indubbiamente lunga e anche tortuosa, ci saranno giorni belli e brutti, ma tutto servirà a far sì che tu possa rinascere come una fenice e ricominciare una vita nuova e forse anche più bella.

Non pensare che lo sport non sarà più parte di te, crediamo che anche se in modo diverso troverai un’altra strada per far parte di quel mondo. Hai la fortuna di avere una famiglia splendida che ti starà sempre vicino, una famiglia che farà a sua volta sacrifici: per questo meritano un ringraziamento speciale. Noi abbiamo avuto il supporto dell’Arma che non ci ha mai lasciato soli e ci ha supportato in tutto e per tutto. Ricorda Manuel, potrai fare tutto quello che vorrai, perché le barriere ce le creiamo solamente noi nella nostra testa, ma possiamo fare tutto: basta volerlo ed essere sostenuti dalle persone che ci vogliono bene. Un abbraccio speciale“

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche