Condividi

È morto nelle scorse ore a Vico Equense dove era tornato a vivere dopo la pensione un pezzo di storia della Polizia di Stato, Matteo Cinque, già questore di Palermo e dirigente di numerosi reparti tra i più importanti non solo in Campania. Il pubblico ufficiale aveva 74 anni.

Matteo Cinque – racconta Il Mattino – fu dirigente della Squadra Mobile di Napoli negli anni tra i più caldi della lotta alla camorra. Fu anche dirigente dell’allora Criminalpol e sotto di lui si sono formati alcuni tra i migliori dirigenti della polizia italiana. Una volta promosso questore, fu responsabile della questura di Trapani, Salerno e Palermo. Finì in un ciclone giudiziario per le rivelazioni dei pentiti della camorra e subì anche l’onta dell’arresto, salvo poi essere completamente scagionato e riabilitato chiudendo la carriera da questore di Catanzaro.

Leggi anche:  VIDEO: LO ACCOLTELLANO PER UNA SIGARETTA. INCASTRATI DAL VIDEO DELLA SQUADRA MOBILE DI BOLOGNA.

Alla figura di Matteo Cinque sono legati alcuni degli episodi più noti della storia della camorra violenta degli anni Ottanta e Novanta. Indimenticabile il suo blitz all’ospedale Ascalesi per bloccare gli esponenti della famiglia Giuliano dei Forcella che voleva portare via il cadavere del boss, crivellato di colpi.

”Erano i tempi della guerra vera tra i clan e di lui ho il ricordo di un uomo molto attivo e impegnato nella battaglia su questo fronte. Serbo il ricordo di un uomo sempre attaccato alla sigaretta, con quei suoi basettoni neri e il fisico forte” ha detto Romolo Panico, Questore a Catanzaro dopo di lui.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTenta il furto in appartamento, i cittadini si ribellano e il ladro finisce malissimo
Prossimo articoloMarina militare: pubblicato il bando per l’ingresso in Accademia Navale

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.