Matteo Salvini chiama la poliziotta offesa da un suo fan a Verona: “Gli agenti si rispettano”

“Ho chiamato una dirigente della polizia di Verona che ha avuto a che fare sabato scorso con un maleducato. Le forze dell’ordine devono essere rispettate e tutelate, neppure sfiorate”. Lo ha detto Matteo Salvini, a margine del suo comizio a Firenze, riferendosi a quanto successo a Verona dove una persona che si è definito un fan di Salvini ha offeso le forze dell’ordine. “Lo dico da ministro dell’Interno, da cittadino”.

“Conto di tornare a Firenze senza centri sociali in giro a rompere le scatole, perché quella non è contestazione, è altro” ha poi aggiunto Salvini. Il video del manifestante che mostra il fondoschiena alla dirigente della Digos di Verona, Tea Mercoli, dopo aver urlato “Salvini uno di noi”, facendo il saluto fascista, è diventato in breve virale.

“L’aggressione verbale alla poliziotta di Verona è un’azione inqualificabile, che va condannata senza se e senza ma. Chi manca di rispetto agli altri e alle forze dell’ordine, manca di rispetto alla nazione. Tutta la mia solidarietà all’agente”, ha scritto su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche