Condividi

“Spero che il Festival di Sanremo continui a essere il Festival della canzone italiana e non la Festa dell’Unità», ma quest’anno “a Sanremo non ci vado perchè ho le giornate impegnate”. Lo dice Matteo Salvini ospite a Non è l’Arena su La7 in riferimento alla polemica con Claudio Baglioni sui migranti. “Non mi offendo mica, la mattina dopo ho fatto la doccia ascoltando ‘Strada facendo'”, ha proseguito il vice premier e ministro dell’Interno spiegando che “secondo me Sanremo non deve essere un palcoscenico politico, nemmeno a favore del governo”.

Leggi anche:  Rom risarcito e poliziotto condannato, Salvini: "Pazzesco, andremo fino in fondo a questa vicenda"

“Da cittadino italiano una mia preoccupazione sono i maxi-stipendi. Non dirò che c’è un conduttore su Rai 1 che guadagna in un mese quello che io guadagno in un anno, ma secondo me qualche stipendiuccio da quelle parti va rivisto”. Aggiunge Salvini. “Non mi riferisco assolutamente a Fabio Fazio…”, sottolinea sorridendo.

Sui migranti Salvini insiste “Se l’Europa continuerà a parlare tanto e ad accogliere poco, eviterò di identificare chi arriva. Ma, ad ora, non vorrei essere costretto a farlo. Volendo, quelli che arrivano in Italia posso fare a meno di farli identificare, così possono andare dove vogliono…”. Il ministro dice che domattina incontrerà il commissario europeo all’immigrazione Avramopoulos. “I fatti dicono che nel 2018 sono sbarcati quasi 100mila immigrati in meno rispetto al 2017. Domani mattina prima di andare a Ciampino, incontrerò il commissario europeo all’immigrazione, e dicò che prima di ogni arrivo, l’Ue dovrà ricordarsi di esistere e dovrà accogliere migliaia di persone che noi abbiamo accolto negli anni scorsi”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCesare Battisti, l'indiscrezione: "è già in volo verso l'Italia"
Prossimo articoloSpirata la bimba malata e abbandonata: per sei mesi accudita e coccolata da medici e servizi sociali.

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.