Condividi

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini è tornato ad insistere sulla questione castrazione chimica per pedofili e stupratori. “Ancora uno stupro, il carcere non basta. Sabato e domenica in tutte le piazze d’Italia la Lega raccoglierà firme a sostegno della sua proposta di legge per introdurre la castrazione chimica (oltre al carcere) per curare pedofili e stupratori”: così il leader del Carroccio ha annunciato una raccolta di firme a sostegno della proposta di legge che prevederebbe la castrazione chimica per pedofili e stupratori.

Commentando il caso di violenza sessuale avvenuto a Viterbo che ha coinvolto un consigliere di CasaPound, è stato proprio il leader del partito di estrema destra a sostenere la proposta di Salvini. Simone Di Stefano si è infatti rivolto ai social per appoggiare il progetto, scrivendo di “auspicare pene durissime come per ogni altro infame stupratore, castrazione chimica compresa”.

LA POSIZIONE DEL M5S

La Lega non ha però trovato lo stesso appoggio dall’alleato di governo. “Castrazione chimica? Non prendiamo in giro le donne che giustamente hanno paura quando leggono casi del genere con temi come questo che sono solo dei distrattori di massa mentre mettiamoci a lavorare sul fatto che questa gente deve stare in galera il più possibile”, ha dichiarato il leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio.

Il vicepremier ha poi affermato che lui e il suo partito andranno “avanti a raccontare la verità, perché non si possono fare slogan facili come fa CasaPound che poi si trova i propri consiglieri coinvolti in un caso di violenza di gruppo”. Dal Movimento hanno proseguito insistendo sulla necessità della certezza della pena, “perché lo strumento della castrazione chimica non colpisce gli stupratori anzi lascia i criminali a piede libero”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteConcorso in Guardia di Finanza con diploma: 965 i posti disponibili!
Prossimo articoloTorino, confermato il licenziamento per l'insegnante che augurò la morte ai poliziotti