Condividi

È ancora braccio di ferro tra il ministro dell’Interno Matteo Salvini e due Ong tedesche battenti bandiera olandese impegnate nel recupero dei migranti. “Non sbarcherete in Italia”, afferma Salvini.

Mentre la Ong replica: “Fascista”. “La pacchia è strafinita”, ribadisce il Viminale.

Anche il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli interviene e richiama l’Olanda: “Faccia rientrare le navi, violano il codice di condotta e non hanno personale adeguato”.

Alla richiesta di Toninelli è subito arrivata la replica di Amsterdam. “Non si tratta di Ong olandesi, né di imbarcazioni registrate in Olanda.

Anche il governo dei Paesi Bassi è preoccupato per l’attività delle Ong nell’area di ricerca e salvataggio libica, in violazione del codice di condotta.

Facendo così sono strumentalizzate dal cinico modello dei trafficanti di esseri umani libici”, ha spiegato la rappresentanza olandese in Ue.

Leggi anche:  "Così l'esercito può bloccare in pochi giorni le Ong e lo sbarco di migranti"

Stretta sulle Ong – La presa di posizione del ministro dell’Interno è allineata a quella del governo, per cui è necessaria una stretta sulle Ong.

Risultati immagini per seawatch3

Lo ha sottolineato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio Crimi secondo cui sono i taxi del mare che “alimentano il traffico di esseri umani”.

Sulla legittimità delle Ong ha parlato anche il procuratore antimafia Federico Calfiero De Raho.

“L’assenza della polizia giudiziaria sulle navi che vanno a recuperare i migranti è un grave ostacolo alle indagini sul traffico di uomini”, ha dichiarato De Raho. Il magistrato ha precisato che a frenare “la lotta alle organizzazioni criminali è il disordine negli interventi.

Questo determina l’impossibilità di avere polizia giudiziaria sulle navi”.

Le Ong: “Vogliono farci sparire” – “Vogliono farci sparire”. Il messaggio che arriva dal mondo delle Ong dopo l’offensiva del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, è unanime.

Leggi anche:  Claudia Gerini con Matteo Salvini: "Bene governo, giusto censimento rom". La polemica corre sul web

 

 

“Quello che sta succedendo oggi – osserva Giorgia Linardi, portavoce di SeaWatch – è il tentativo di cancellare la presenza di occhi liberi e indipendenti che raccontino quello che succede in mare”.

Proprio la ong tedesca con la sua Sea Watch 3, martedì ha rinunciato a prendere a bordo 42 migranti soccorsi dalla nave militare americana Trenton perché da Roma non è arrivata l’autorizzazione a portarli in Italia.

Per Riccardo Gatti, capo missione della spagnola Proactiva Open Arms

“questa criminalizzazione, l’attacco alle ong e le azioni volte a farci sparire sono andate crescendo: eravamo 12 ora siamo rimaste in 4” ed “anche la magistratura ci ha attaccato. C’è qualcosa di orchestrato in tutto questo”. (tgcom24)

Articolo precedenteSi devasta con alcol e droga per la fine del Ramadan: è in fin di vita
Prossimo articoloIn arrivo 2 navi Ong, Salvini: sbarchino altrove, la pacchia è strafinita. L'accusa: "Fascista, ora ci dicano dove andare"