Maxi operazione della Polizia: sequestrate 2.400 auto senza assicurazione

Oltre 408.000 mezzi verificati e ben 2.419 sequestrati perché privi di assicurazione. Sono i risultati dell’operazione Mercurio Eye Insurance, svolta dalla polizia di Stato in collaborazione con Ania e presentata oggi a Roma. Tra il 3 e l’8 luglio, in 103 province, sono state impegnate ogni giorno 4.000 pattuglie, con oltre 8.000 agenti. I controlli sono stati effettuati dalle volanti, ma in alcuni casi si è ricorso anche all’impiego di droni, come racconta il video qui sotto, pubblicato sul profilo Twitter della polizia di Stato.

Controlli più veloci con Mercurio. La parte del leone, ovviamente, l’ha compiuta il sistema Mercurio – installato a bordo di 250 auto della Polizia – che, attraverso il collegamento diretto alla banca dati dell’Ania, ha consentito di svolgere controlli veloci e in tempo reale, anche durante il pattugliamento statico, sulle targhe dei veicoli in transito su strade e autostrade. Mercurio ha verificato 341.000 veicoli, lo 0,6% dei quali era privo di assicurazione: in pratica, una macchina su 165.

239 sequestri in provincia di Napoli, zero a Sondrio. Tra le province con più evasione, maglia nera a Napoli (239 sequestri), cui seguono Roma (120), Palermo (98), Cosenza (64), Reggio Calabria (62), Agrigento (58), Foggia (55) e Catania (49). Come sempre, la classifica consacra anche le province virtuose, con nessun sequestro nei controlli automatici: sul podio Sondrio, Treviso e Vicenza, seguite da Asti, Cuneo, Rimini, Ravenna e Siena.

Sicilia e Campania le meno assicurate. Tra i 23.000 veicoli controllati, la polizia stradale ne ha sanzionati 583, risultati privi della copertura assicurativa (32 di essi, addirittura, non erano mai stati assicurati). Il maggior numero di violazioni è stato accertato in Sicilia, Campania, Toscana e Lombardia. Interessante il dato anagrafico: la fascia d’età più affollata di contravventori è quella degli over 50 (circa il 28%) seguita da quella tra i 40 e i 50 anni (20%). I restanti 44.883 veicoli sono stati controllati dalle volanti delle questure.

Paradossi e sorprese. Non mancano aneddoti, a metà tra il dramma e la comica. Come il caso dell’Alfa Spider parcheggiata a Bagheria (PA), priva di assicurazione. Rintracciato il proprietario, si è scoperto che era un dipendente di una grossa compagnia assicuratrice. Altrettanto sorprendente il caso rilevato a Marsala (TP) da una pattuglia del Reparto Prevenzione Crimine che, attraverso il sistema Mercurio, ha individuato una vettura in servizio per una società di guardie giurate che circolava senza assicurazione. Il 5 luglio, a Roma, nella centralissima via del Tritone, il sistema ha segnalato un veicolo privo di copertura. Un equipaggio del RPC ha controllato e individuato l’auto: un taxi Fiat Fiorino Qubo. Sembra tratto da un film di Mel Brooks, invece, quanto accaduto a Ottana (NU). Anche in questo caso, il veicolo era stato segnalato dal sistema Mercurio. Si trattava di un carro funebre Mercedes che trasportava una salma. Per evitare problemi di ordine pubblico, i poliziotti hanno scortato il mezzo fino alla chiesa, atteso che la salma venisse trasferita e, poi, lo hanno sequestrato. E.M.

quattroruote

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche