Condividi

SOS1307073Bergamo, 9 settembre 2013 – Si era fermata per soccorrere un ragazzo massacrato a sprangate, in strada, a Chiuduno, ed è stata travolta dall’auto degli aggressori piombata a bomba su di lei e su un gruppo di altre 6-7 persone.

Eleonora Cantamessa, 44 anni, ginecologa, casa a Bergamo, studio e famiglia a Trescore, è morta così, mentre faceva il medico, vittima di una lite o di un regolamento di conti tra immigrati.

Tutto è iniziato verso le 23, sulla strada provinciale 91, all’altezza del negozio «Mobili Vanni». Quattro stranieri (indiani o pakistani) su una Volkswagen Golf grigio metallizzato hanno bloccato altri due su un’Audi scura. Sono scesi con le spranghe, hanno colpito la vettura, poi conducente e passeggero.

Uno, massacrato, è morto. Poi sono ripartiti in auto. In strada si è formato un capannello di persone. La dottoressa, passata in auto con un amico, si è fermata ed è scesa per soccorrere i due aggrediti. Ma a quel punto la Golf è tornata indietro a grande velocità e l’ha uccisa. Sul posto la mamma, il papà e il fratello, disperati.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteLucio Battisti
Prossimo articoloBasilia, malata di cancro riceve la lettera del Papa prima di morire