Condividi

Melegatti, la favola di Natale in pericolo: ancora possibili brutte notizie per l’azienda

Sembra una favola natalizia quella di Melegatti che da anni sforna panettoni e pandori

Per mesi infatti si è parlato della crisi dell’azienda veronese, scioperi, manifestazioni dei suoi lavoratori sotto municipio di San Giovanni Lupatoto, e via dicendo, lo stop alla produzione, le bollette e gli stipendi

i paventati passaggi di proprietà, poi la ripresa, anzi no.

Gli appelli sui social, gli hashtag, la vicinanza dei cittadini

Insomma, un periodo davvero molto travagliato, ma anche ricco di sorprese

 

 

Ora sembrerebbero giungere nuove notizie soprattutto dopo l’investimento di un fondo maltese

che nei mesi scorsi ha fatto ripartire l’impianto finanziando e salvando la produzione del Natale

A fine novembre scorso infatti è stato sfornato il primo pandoro nello stabilimento, oramai fatto noto a tutti gli italiani

Alzi la mano infatti chi non ha visto circolare almeno una volta nella propria bacheca la foto dei dipendenti Melegatti sorridenti che annunciano la ripartenza!

LEGGI ANCHE: Melegatti salva, oggi riparte la produzione: a Natale compriamo i suoi pandori

Una foto che ha fatto velocemente il giro del web con migliaia e migliaia di condivisioni e reazioni e l’hashtag #NoiSiamoMelegatti creato dagli stessi lavoratori dell’azienda per far conoscere a tutti gli italiani la delicata situazione.

 

 

L’obiettivo dell’azienda è quello di produrre e vendere un milione e mezzo di pandori e panettoni” si legge oggi sulle pagine del Gazzettino

e proprio per questo la produzione è stata prolungata di un giorno, fino all’11 dicembre, e il confezionamento fino al 12 dicembre”

Non oltre, per evitare il rischio di sovrapproduzione

Non è però finita l’emergenza. Nonostante il boom delle vendite di pandori 

gli ordini hanno superato di gran lunga il milione e mezzo di pezzi prodotti in extremis dopo che i lavoratori sono tornati alle linee di produzione il 21 novembre scorso –  dalla  settimana prossima potrebbe tornare la cassa integrazione.

Questa almeno è l’intenzione che l’azienda ha manifestato giovedì scorso durante un incontro con il sindacato.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteOperazione antiterrorismo della Polizia: espulso un marocchino dall'Italia
Prossimo articoloFederica, morta a soli 20 anni in un terribile incidente, i dubbi sulle cinture