Condividi

Salvato all’asta dopo il fallimento, il pandoro Melegatti riparte a Natale per la sua ‘seconda vita’, e commercialmente l’operazione si dimostra subito un successo. Sono arrivati da tutto il Veneto in questi giorni nello spaccio aziendale della ditta di San Giovanni Lupatoto – che può fregiarsi del brevetto del dolce a forma di stella, datato 1894 – per comprare quello che per molti è ‘il pandoro’.

I primi pandori della ‘ripartenza’ industriale di Melegatti sono stati prodotti da terzisti, in altri stabilimenti, ma la nuova proprietà ha raggiunto l’obiettivo di essere presente con i suoi dolci in alcune catene della grande distribuzione, oltre che nello spaccio aziendale e nel temporary shop aperto nel centro di Verona, proprio di fronte all’Arena. “Abbiamo sfornato 500mila pezzi, è stata una corsa contro il tempo, ma volevamo comunque essere presenti per questo Natale” ha Gianluca Cazzulo, ad area commerciale di Melegatti.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteEncomio solenne ai due Carabinieri aggrediti nella sparatoria di Lido di Classe
Prossimo articoloGiuseppe non c'è più, il dolore e il ricordo dei colleghi su Facebook: "riposa in pace..."