Il mondo Ultras che non merita rispetto: offesa ancora una volta la memoria dell’Ispettore Filippo Raciti

Nuovo episodio spiacevole, ai margini del mondo del calcio, sta facendo discutere le piazze virtuali.

E’ notizia di queste ore l’apparizione allo stadio Barbera di Palermo, di uno striscione inneggiante Antonino Speziale, l’ultras della stessa squadra condannato per l’omicidio dell’ispettore capo di polizia di Stato Filippo Raciti. Il fatto, mai dimenticato, risale al 2 febbraio 2007 durante gli scontri Catania-Palermo.

LEGGI ANCHE: Filippo Raciti: un uomo, un poliziotto, un celerino: “il suo sacrificio ha svegliato l’Italia”

‘Gli ultras non dimenticano Speziale libero’, questo recita lo striscione subito sequestrato dai poliziotti della Digos. Il fatto ha dato via ad un’indagine.

 

 

Sull’episodio, l’ennesimo, ai danni della memoria dell’ispettore, ha portato ad esporsi la stessa vedova di Filippo Raciti.

LEGGI ANCHE: Distrutta la lapide intitolata all’ispettore Filippo Raciti

Sul fatto si è espresso anche il sindaco della città, Leoluca Orlando, che ha commentato all’interno di un comunicato ufficiale che nessun atteggiamento violento può essere preso come esempio da eseguire.

Marisa Grasso, vedova dell’Ispettore Filippo Raciti ha espresso tristezza nell’apprendere del messaggio al di fuori dallo stadio.

LEGGI ANCHE: Antonino Speziale, ultras dell’omicidio di Filippo Raciti è stato trovato con un telefonino in carcere

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche