Condividi

Mi chiami Sbirro.
Ma tu cosa ne sai del suono della nostra sveglia che ci getta dentro ad un giorno senza fine uguale a tanti altri,
Dei nostri passi incerti sulla strada dell’arrancarsi,
Fra le incognite e gli imprevisti,
Sui pneumatici finiti dei nostri mezzi.
Tu cosa ne sai cosa significa
Vivere in un numero di matricola,
In una statistica da compilare,
In una immagine da vedere la domenica mattina.
Tu cosa ne sai cosa significhi fare i funamboli sulla tensione,
camminare su di una strada che non si vede
sfiorando in continuazione
il precipizio che ci rasenta
con il male,
Mangiare i resti dei panettoni
e bere il fondo degli spumanti.
Tu cosa ne sai

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSola e al freddo a 90anni, due agenti si prendono cura di lei
Prossimo articoloPatentino obbligatorio per i cani pericolosi, il punto della situazione

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.