Migranti, il piano del Viminale: navi e caserme requisite per isolare i positivi e garantire le quarantene

Navi e caserme al fine di isolare i migranti in arrivo Italia

Per l’occasione sarà requisito un traghetto, come già accaduto per la Moby Zazà, attualmente a Porto Empedocle. Il Governo sta inoltre per la quarantena.

Chi è risultato positivo al tampone rimarrà lontano dagli altri e sarà sottoposto a costanti controlli sanitari. Intorno alle strutture individuate saranno fatte vigilanze per impedire ingressi di estranei.

Un vero e proprio cordone anche per impedire che il malcontento dei cittadini. È il riassunto del piano pensato per gestire quella che ha tutta l’aria di trasformarsi in una nuova emergenza.

E inevitabilmente il pericolo che giungano altre persone positive al coronavirus. Gli analisti confermano che dopo il blocco dei voli da numerosi Paesi, compresi quelli africani, le organizzazioni criminali si sono già organizzate per far entrare le persone in Italia, garantendo anche il trasferimento in altri Stati europei.

LEGGI ANCHE: Sicilia. Nuovo trasferimento di migranti in corso

I fronti regionali e i dubbi

La Regione Calabria minaccia di bloccare gli sbarchi, mentre Musumeci invece chiede al governo spiegazioni su come fronteggiare l’emergenza in Sicilia.

“Il silenzio di Roma con chi ha la responsabilità costituzionale di tutelare la salute dei siciliani è diventato insopportabile e viola il principio di leale collaborazione cui anche il premier Conte dice di uniformarsi. O si concorda – sul piano sanitario – ogni azione con la Regione o non siamo più disponibili ad essere chiamati solo a supplire le gravi omissioni del governo centrale. Si diano una regolata!”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche