Condividi

L’imbarcazione si sarebbe ribaltata a circa 30 miglia dalle coste della Libia

Ancora una tragedia al largo della Libia. Trentaquattro cadaveri di migranti sono stati recuperati in mare e si temono possano esserci altre persone disperse. «La maggior parte sono bambini», ha scritto il co-fondatore della Ong Moas, Chris Catrambone, su Twitter, dove ha pubblicato anche alcune foto che testimoniano il drammatico bilancio. Si tratta delle vittime del naufragio di un barcone che trasportava circa 500 migranti, diretto verso l’Italia. Il rovesciamento del natante è avvenuto a circa 30 miglia dalle coste libiche. A lanciare l’allarme è stata la Guardia Costiera, che sta coordinando le operazioni di soccorso. In zona stanno operando nave Fiorillo, della stessa Guardia Costiera, un rimorchiatore e la nave dell’organizzazione non governativa Moas.

In corso ricerche dei superstiti

Il barcone si sarebbe piegato su un fianco e oltre 200 migranti sono finiti in acqua. Finora i cadaveri recuperati sono 31. Tutti gli altri migranti finiti in mare sono stati tratti in salvo dalla stessa Guardia Costiera e dai marinai di altre navi che stanno operando sul posto.Per la ricerca di altri superstiti la centrale operativa di Roma della Guardia Costiera ha disposto che altre proprie unità ed altri mezzi navali raggiungano al più presto l’area del naufragio. Sono anche in corso le operazioni per soccorrere le altre persone rimaste sul barcone. Le favorevoli condizioni meteo hanno determinato oggi un consistente esodo di migranti dalla Libia verso l’Italia. La Guardia Costiera sta coordinando dall’alba almeno 15 operazioni di soccorso nei riguardi di oltre 1.700 persone che, a bordo di gommoni e piccole imbarcazioni, hanno lasciato le coste libiche puntando verso l’Italia.

corriere.it

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTensione al bunker, un carabiniere in pensione muore di infarto
Prossimo articoloUna decina di aspiranti jihadisti tenuti sotto controllo in Italia