Milano, arrivano conferme: il bimbo di 2 anni ucciso da un colpo alla testa che ha frantumato il cranio

Sono stati confermati dai medici legali i macabri dettagli sulle lesioni provocate al bambino di due anni, ucciso un anno fa dal padre 25enne in via Ricciarelli a Milano. Ascoltati in aula, i medici hanno certificato che sul corpo del piccolo sono state rinvenute tre bruciature di sigarette oltre ad ustioni sulla pianta dei piedini realizzate con fiamma viva.

I due, considerati testimoni per via del sopralluogo effettuato sulla scena del delitto subito dopo l’omicidio, sono stati ascoltati dai giudici della Corte d’Assise di Milano: a loro hanno parlato del corpo martoriato del piccolo, al quale erano state incerte diverse fratture e lividi, derivati dalle botte inferte dal padre. Stabilità anche la causa del decesso, sopraggiunto dopo un colpo mortale alla testa che gli ha provocato un grave trauma cranico. Si ipotizza che sia stato colpito in fronte da un oggetto o che sia caduto di testa da un’altezza considerevole.

Ad ascoltare i due medici legali, c’era anche l’imputato, in carcere da circa un anno e accusato di omicidio volontario e maltrattamenti familiari, poiché anche la moglie e gli altri figli, riporta Fanpage, avrebbero subito la sua ira in più di un’occasione. I giudici hanno fissato le prossime udienze per il 26 e il 29 giugno, giorno nel quale verrà ascoltata proprio la moglie del 25enne che si è costituita parte civile.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche