Condividi

Sono stati assolti dall’accusa di falsa testimonianza il vicequestore Angelo De Simone e altri tre poliziotti, finiti a processo in relazione a un verbale, scritto durante gli scontri No Expo del 1 maggio 2015, che portò all’arresto per resistenza aggravata di un 27enne poi assolto con formula piena nel 2016. Lo riporta skytg24.

Il giovane era stato accusato di aver scagliato un grosso sasso contro la testa del vicequestore De Simone.

Il gup di Milano Sara Cipolla, nel processo con rito abbreviato, ha accolto la richiesta del pm Claudio Scalas che aveva chiesto l’assoluzione per i quattro imputati.

Le assoluzioni

Nel luglio 2018, il giudice Raffaella Mascarino aveva archiviato e cancellato le accuse di falso ideologico e calunnia per otto agenti, ritenendo che il lancio del sasso venne attribuito al 27enne per un “errore” senza dolo, dovuto anche alla “concitazione” e alla stanchezza dopo quella giornata di guerriglia urbana a Milano.

Aveva però disposto nuove indagini, per il solo reato di falsa testimonianza, per i quattro poliziotti che testimoniarono nel processo.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSuona al piano mentre viene operato al cervello: intervento di cinque ore su un jazzista
Prossimo articoloVuole dare fuoco alla fidanzata: intervengono i poliziotti e lo arrestano

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.