Milano, tre Rom tentano l’aggressione: il campione di Arti Marziali li mette K.O

Bruno Danovaro stava fumando un sigaro sulla via di casa, dopo essere andato a fare da volontario alla Croce Rossa di Milano, in questo difficile periodo di crisi per il coronavirus. Tre Rom lo hanno accerchiato, intimandogli di consegnare il portafogli. Peccato che i malintenzionati non sapessero chi si trovassero di fronte. Danovaro, 52 anni, è infatti un esperto di arti marziali. Prima judo, poi pugilato e karate, ora jujitsu. Ha vinto tutti gli ultimi 112 incontri disputati. Risultato? I tre rom sono finiti all’ospedale, il portafogli è rimasto ben al sicuro nelle sue tasche.

L’episodio è stato raccontato dal Secolo d’Italia, che ha anche raccolto la testimonianza dello stesso Danovaro: “Ho reagito d’istinto. Sono molto dispiaciuto per quanto successo, ma mi hanno aggredito loro per primi. Spero che stiano bene e che serva loro e a tutti i malintenzionati da lezione”. Danovaro ha una storia incredibile alle spalle. Poteva andare a Seoul 1988 con la Nazionale di judo, ma scelse di andare a cercare fortuna negli Stati Uniti, dove ricevette anche un’onorificenza da George Bush per il suo impegno contro il doping nelle palestre. La battaglia contro il doping, insieme con il volontariato per i bambini e negli ospedali, ha accompagnato tutta la vita del campione, che è stato spesso minacciato anche dal narcotraffico.

fonte: Gazzetta

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche