Condividi

Reggio Calabria, 27 Gennaio 2015 – E’ il 47enne Francesco Gennaro Triolo l’autore delle telefonate anonime, con minacce di morte indirizzate ai Pm Giuseppe Lombardo e Nicola Gratteri della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria. Stamani gli uomini della Guardia di Finanza hanno effettuato una serie di perquisizioni che hanno portato ad individuare l’autore delle minacce.

Le indagini, iniziate nel mese di novembre u.s. e coordinate dalla Procura della Repubblica di Catanzaro, hanno permesso, a seguito di accurati appostamenti e riscontri, di identificare compiutamente Francesco Gennaro Triolo che, da diverse cabine telefoniche pubbliche, ha effettuato una serie di telefonate anonime, rivolte ai numeri di pubblica utilità 117 e 112, con cui sono state indirizzate, anonimamente, esplicite minacce di morte ai due magistrati reggini, fortemente impegnati, con delicate indagini, nel contrasto alle più potenti cosche di ‘ndrangheta.

Sono state le immagini della telecamera installata dalla Guardia di Finanza nei pressi di una cabina telefonica ad inchiodare Francesco Gennaro Triolo, reggino di 47 anni, autore delle telefonate di minaccia nei confronti dei Pm della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria Nicola Gratteri e Giuseppe Lombardo. Ecco le immagini che mostrano Triolo che telefona alla Guardia di Finanza: ”Siamo pronti ad uccidere il giudice Lombardo”.

(fonte Strill.it)

A.P.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIl compagno non paga i debiti, e l'Italia ci rimette 24 miliardi
Prossimo articoloLegge elettorale: sì Senato a Italicum, torna a Camera Renzi: "Riforme vanno avanti"