Siria, tutti e due i prigionieri russi “bruciati vivi” dall’Isis

Accuse agli Usa  

Mosca ha accusato gli Stati Uniti di aver permesso a «300 combattenti dell’Isis» di infiltrarsi dalla Giordania in Siria attraverso il valico di Al-Tanf e così attaccare ai fianchi le forze governative e russe che stanno riconquistando la provincia di Deir ez-Zour. Washington ha smentito.