“Multa da 450 euro a chi abbandona per strada mascherine e guanti”

Sono numerose le segnalazioni, in ogni parte d’Italia, di un abbandono in strada di dispositivi di protezione individuali.

Un rischio per la salute ed un problema per l’ambiente. E così sono molti i sindaci che stanno tentando di trovare una soluzione.

Un esempio arriva da Nardò (Lecce) dove un’ordinanza stabilisce che, salvo che il fatto non costituisca reato, chiunque abbandoni dispositivi di protezione individuale sul suolo pubblico, lungo le strade o nelle campagne, è punito con la sanzione pecuniaria da un minimo di 75 a un massimo di 450 euro.

Operazione analoga a Reggio Emilia dove per contrastare un fenomeno che “avviene non in modo frequente, ma che, anche se raramente, si verifica”, il sindaco Luca Vecchi ha firmato un’ordinanza che prevede una multa di 500 euro per chi sarà colto sul fatto dalla Polizia locale.

“Non si dovrebbe neanche dire che i rifiuti non si gettano per terra – spiega il sindaco – ma qui parliamo di un rifiuto a potenziale rischio di contagio che va trattato con attenzione, conferendolo nell’indifferenziato e non abbandonandolo dove capita, in un parco o su una panchina”

500 euro di multa anche a Roma

“A Roma multe fino a 500 euro per chi abbandona per terra mascherine e guanti usati. In questi mesi di emergenza sanitaria legata al coronavirus i nostri operatori ecologici ci hanno segnalato più volte di dover raccogliere i dispositivi di sicurezza monouso buttati in strada o sui marciapiedi da persone incivili. Ho firmato un’ordinanza per punire con multe salate questo comportamento vergognoso”.

Lo ha scritto su Facebook il sindaco di Roma, Virginia Raggi.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche