Taormina, collettivo dedica murales a “Santa Carola Rackete, protettrice dei rifugiati”

Proprio due giorni fa infatti il ministro dell’Interno Matteo Salvini aveva ringraziato la “Beata Vergine Maria” per l’approvazione del decreto sicurezza bis, un provvedimento che, tra i suoi 18 articoli, prevede multe salatissime – fino a un milione di euro – per i comandanti delle navi delle Ong che salvano migranti nel Mar Mediterraneo “in caso di violazione del divieto di ingresso, transito o sosta in acque italiane”. La legge assegna al titolare del Viminale il potere di “limitare o vietare l’ingresso, il transito o la sosta di navi nel mare territoriale”.

La decisione di abbinare un provvedimento che ostacola deliberatamente il soccorso di chi rischia la vita in mare alla Madonna ha suscitato profondo sconcerto non solo nel mondo cattolico, ma più in generale tra quanti ancora pensano che certi simboli rappresentino concetti come la carità e la solidarietà, e non di certo la discriminazione e la disumanità.