Condividi

Non luogo a procedere in seguito alla messa alla prova. Ovvero, reato cancellato e nessuna traccia sulla fedina penale. Oggi, 22 ottobre, il gup del Tribunale dei Minorenni di Napoli, Marina Ferrara, ha emesso la sentenza nei confronti di 8 degli 11 minorenni ritenuti responsabili, a vario titolo, della violenza sessuale ai danni di una ragazzina di 15 anni avvenuta sugli scogli di Marechiaro, a Napoli, nel maggio del 2017. La decisione arriva dopo l’esito positivo della “messa alla prova”, così come previsto dal codice penale, che mette a disposizione dei minorenni lo strumento per recuperare dai reati commessi che in questo modo non figurano nemmeno sulla fedina penale.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente1000 euro per sbarcare in Italia: le forze dell'ordine arrestano gli scafisti
Prossimo articoloAlzheimer, la scoperta rivoluzionaria che apre le porte ad un vaccino

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.