Condividi

alfanianoSi chiama Paolo Di Donato, è un ex consigliere comunale Ncd della provincia di Benevento e gestisce un business da 24mila euro al giorno su profughi e migranti. A scoprire il personaggio in questione è stato ilRedattore sociale, in un’inchiesta ripresa da Mario Giordano per il suo libro in uscita dal titolo Profugopoli e riproposto da Il Giornale. La foto che immortala Di Donato accanto a una Ferrari è già diventata virale sul web. L’imprenditore e uomo politico sannita venne tirato in ballo dal Redattore sociale in un articolo del 4 novembre 2015.

Documentava il business degli appalti sugli immigrati realizzati dal consorzio Maleventum di Benevento, evidenziando gravi carenze strutturali. Al Consorzio non la presero tanto bene. Questa la smentita del consorzio sannita: «Al momento ospitiamo 740 migranti in 12 strutture gestite da management qualificato e con 140 dipendenti tra cui addetti alla vigilanza, alla cucina, mediatori culturali, infermieri professionali, alle pulizie, regolarmente assunti a tempo indeterminato con Ccnl delle cooperative sociali. Oltre a 3 avvocati convenzionati per l’ assistenza legale. Il Presidente del Consorzio non è Paolo Di Donato ma il sottoscritto, il Di Donato è il dirigente aziendale». A firmare la smentita è colui che risulta come amministratore unico: Elio Ouecthati.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTraffico di droga, ex Carabiniere condannato a 18 anni
Prossimo articoloAmburgo vieta le capsule del caffè