Condividi

Caschi e parastinchi pronti per le manifestazioni. Li hanno trovati gli uomini della digos in un solaio dell’Asilo occupato, sgomberato una settimana fa e ancora presidiato dalle forze dell’ordine in attesa che gli operai finiscano di blindare l’ex scuola materna. Nascosto in una botola del solaio, sopra la cucina, la polizia ha trovato 27 caschi e un’ottantina tra parastinchi e protezioni. “E’ un armamentario noto – commenta il questore di Torino, Francesco Messina – Quello era un luogo dove non si pensava solo a realizzare proteste sociali, ma la protesta sociale era il punto di partenza per altri scopi”.

Da ieri pomeriggio si è comunque ridotto il presidio che fino a qualche giorno controllava tutti gli incroci intorno a via Alessandria per impedire che gli anarchici potessero avvicinarsi all’Asilo con l’intenzione di rioccuparla. Resta blindata solo via Alessandria.

“Il luogo è stato messo in sicurezza e le attività continuano – spiega Messina – e questo è il motivo per cui abbiamo dovuto far presidiare i luoghi con una forza adeguata per prevenire la minaccia di chi potrebbe cercare di riprendere l’Asilo. Chiediamo scusa per il disagio ma è un’esigenza di messa in sicurezza. I lavori impediranno che lo stabile possa essere rioccupato.”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePapà disperato vuole suicidarsi, i passanti lo incoraggiano
Prossimo articoloConcorso truccato in Polizia Penitenziaria: NIC e Guardia di Finanza eseguono 3 arresti e 160 avvisi di chiusura indagini